MUSTANG, ULTIMO TIBET

NEPAL | MUSTANG, ULTIMO TIBET

A partire da 4600 €

DURATA
PARTECIPANTI
18 Giorni (17 Notti) Minimo: 10 / Massimo: 12
DATA PARTENZA
LA PARTENZA E'
05 Agosto 2024 In conferma
PREZZI A PARTIRE DA:
Quota base individuale
4600 €
Sebbene nominalmente parte del Nepal, il Regno del Mustang, circondato dal Tibet su tre lati e governato da una famiglia reale tibetana, sopravvive come uno degli ultimi reami dell’antico Tibet. Chiuso agli stranieri fino al 1991 e successivamente accessibile solo a piedi, con un impegnativo trekking di svariati giorni, nell’ultimo ventennio il Mustang è praticamente rimasto isolato tra le cime dell’Himalaya. Recentemente è stata completata la nuova strada, percorribile in jeep, che consente di raggiungere Lo Manthang, la capitale del piccolo Regno. Quindi,

Perché Noi

  • L'itinerario è organizzato in un luogo poco turistico dalla cultura tibetana intatta e dai panorami mozzafiato.
  • In Mustang Jeep con 3 persone per auto. 
  • A Lo Manthang pernottamento in resort.

I nostri Esperti

Day by Day

Giorno 1

Italia - Kathmandu

Partenza da Milano o da Roma con voli di linea, via scalo intermedio, per Kathmandu. Arrivo dopo le due di notte e trasferimento in Hotel.Pasti a bordo. 

Giorno 2

Kathmandu

 La Durbar Square di Kathmandu, la Casa-Tempio della Dea Vivente, Pashupatinath, Boudhanath e il Tempio delle ScimmieGiornata dedicata alle visite di Kathmandu (1.300 m). Visita della Durbar Square di Kathmandu, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, che è da sempre il cuore della città vecchia nonché uno splendido retaggio dell’architettura tradizionale.  La Casa-Tempio della Kumari, dove se fortunati si riesce ad ammirare la giovane Dea Vivente affacciata al balcone; il Palazzo Reale della dinastia Malla, Hanuman Dokha, che prende il nome dalla statua di pietra di Hanuman, il
Giorno 3

Kathmandu - Pokhara

Dalla capitale del Nepal alla porta dell’AnnapurnaDopo la prima colazione partenza con jeep Scorpio verso nord-ovest per Pokhara lungo un interessante percorso a saliscendi che dalla capitale conduce alle alte vette himalayane attraversando colline terrazzate a risaie, villaggi e cittadine. Considerata la porta dell’Annapurna, Pokhara (880 m) è posta ai piedi delle più alte vette del pianeta, nei pressi di tre laghi e del fiume Seti. Da qui è ben visibile la catena dell’Annapurna che si specchia nelle acque del vicino lago Phewa. Pernottamento in resort.Pasti: colazione in hotel,
Giorno 4

Pokhara - Kalopani (2530 mt)

In jeep lungo il corso del fiume Kali Gandaki fino a raggiungere il villaggio ai piedi del DhaulagiriDopo la prima colazione partenza verso la dorsale montuosa di Kande. È questo l’inizio dello spettacolare percorso via terra che ci porterà verso Jomson.  Si potranno ammirare la bella valle di Pokhara, le spettacolari montagne dell’Annapurna, terreni agricoli e interessanti insediamenti. Tutto ciò dà la possibilità di osservare lo stile di vita della gente di montagna lungo la strada. Si scende fino alla valle di Modhi Khola, dove iniziano i sentieri per il campo base
Giorno 5

Kalopani - Tukuche - Marpha - Jomson (2720 mt) - Kagbeni (2810 mt)

I pittoreschi villaggi del Lower Mustang e la “Porta del Mustang”Dopo la prima colazione proseguimento del percorso verso Jomsom. La giornata è dedicata alla visita dei pittoreschi villaggi del Lower Mustang: Tukuche e Marpha. Si segue il corso del sacro fiume Kali Gandaki, famoso per la peculiarità geografica di scorrere nella valle più profonda del mondo, tra due giganti himalayani di oltre 8.000 m: il Dhaulagiri (8.172 m) e l’Annapurna (8.091 m); una profonda spaccatura che taglia la catena himalayana da nord a sud, un tempo la via commerciale di transito che portava dall’India
Giorno 6

Kagbeni - Jarkot - Muktinath (3760 mt) - Kagbeni - Tangbe (3060 mt) - Chhusang (2940 mt)

L’antico monastero e il sacro santuario meta di pellegrinaggio per buddhisti e induisti. Ingresso nell’Upper MustangDopo la prima colazione partenza verso est per Mukhtinath lungo la strada principale, recentemente asfaltata, che sale rapidamente permettendo di ammirare delle splendide vedute sulla valle circostante e sulle imponenti montagne (l’enorme piramide del Dahulagiri e la più bassa, ma sempre oltre i 7.000 m, cima del Nilgiri). Sosta nel villaggio di Jarkot, abbarbicato su uno spuntone roccioso, e visita dell’antico monastero costruito su uno straordinario belvedere che si
Giorno 7

Chhusang - Samar (3660 mt) - Ghiling (3570 mt) - Ghami (3520 mt) - Tsarang (3560 mt)

 Il fiume che sgorga dal tunnel nella roccia e il muro-mani più lungo del NepalDopo la prima colazione si prosegue verso nord lungo il letto del Kali Gandaki. Si raggiunge il villaggio di Samar (3660 m).Una breve salita conduce al passo: Yamdo La (3.860 m), dove si ha la prima bellissima veduta sul villaggio di Ghiling (3.570 m) circondato dai verdi campi coltivati che si sviluppano nel fondovalle. Si scende gradatamente in una gola per poi risalire verso il Nyi La (4.010 m) da cui si domina una bella valle con terrazzamenti coltivati delimitati da pareti di roccia rossa. Con una lunga
Giorno 8

Tsarang - Lo Gekar - Lo Manthang (3810 mt)

Dopo la prima colazione partenza verso Lo Manthang. La strada scende rapidamente fino ad attraversare il fiume, poi sale verso nord, una splendida vista si apre verso sud mostrando Tsarang sul ciglio del dirupo e, in lontananza, le enormi, bianche vette himalayane. Si continua a salire dolcemente in un ambiente desertico e molto selvaggio fino al passo di Lo (3.950 m) dove all’improvviso appare l’ampia valle di Lo Manthang, un momento sicuramente molto emozionante. Scesi dal passo appare la prima entusiasmante panoramica della capitale con gli edifici bianchi (civili) e rossi (religiosi) e
Giorno 9

Lo Manthang

La città murata di Lo Manthang, la capitale del Regno del MustangDopo la prima colazione intera giornata dedicata a Lo Manthang, la capitale del Mustang, e ai suoi dintorni.  La città murata conserva perfettamente la struttura medievale. Le mura intonacate che circondano la città, lunghe 750 m e alte 9 m, disegnano una “L” un po’ sghemba. L’unica porta di accesso si trova all’estremità nord-est, una volta varcata l’entrata ci si trova subito di fronte il palazzo reale. Le case, il palazzo e i templi si trovano nella parte inferiore; la parte verticale della “L” ospita
Giorno 10

Lo Manthang - Chosar - Lo Manthang

I gompa di Garphu e Nypho, le affascinati grotte-abitazioni di JhongDopo la prima colazione escursione in jeep nei dintorni di Lo Manthang. La valle a est comprende il villaggio di Chosar, con i gompa di Garphu e Nyphu, e le affascinanti grotte-abitazioni di Jhong. In questa valle passava la più importante via commerciale per Lhasa, secondo Tucci “percorsa da secoli da pellegrini e apostoli, banditi e invasori”, come dimostrano le rovine di numerose fortezze disseminate lungo il percorso. Rientro a Lo Manthang nel pomeriggio. Pernottamento in hotel-resort.Pasti: colazione in guest-house,
Giorno 11

Lo Manthang - Samjung - Lo Manthang

Dopo la prima colazione intera giornata dedicata all’escursione al remoto villaggio di Samjung. In jeep si raggiunge il letto del fiume, tra saliscendi in un bellissimo paesaggio montano costellato di chorten e alcune greggi di pecore. La camminata nel greto del fiume fino al villaggio, fra spettacolari pareti di pietra multicolori dura poco più di un’ora, non è impegnativa, abbastanza in piano, con qualche saliscendi (non consigliata a persone con difficolta motorie). Tempo a disposizione per visitare il villaggio e socializzare con i suoi abitanti. Nel primo pomeriggio si inizia il
Giorno 12

Lo Manthang - Syangboche (3800 mt) - Samar - Chele - Chhusang (2980 mt)

Dopo la prima colazione inizia il nostro viaggio di ritorno attraverso bellissimi paesaggi di montagna. Si raggiunge il villaggio di Syangboche (3.800 m) che giace quasi sul fondo della valle. Si prosegue per il villaggio di Samar per il pranzo.Nei pressi del villaggio di Chele (3.050 m) il fiume sgorga da un tunnel scavato nella parete rocciosa. Qui la pista abbandona la valle del Kali Gandaki e si inerpica ripida lungo una gola rocciosa fino al villaggio.Infine, si ritorna ancora nel villaggio di Chhusang (2980 m).Pasti: colazione in hotel-resort, pranzo in ristorante locale, cena in
Giorno 13

Chhusang - Tetang - Kagbeni - Kalopani (58 Km, 4 ore circa)

Il villaggio fortificato e il gruppo etnico gurungDopo la prima colazione partenza lungo una pista in salita sulla riva meridionale del Narshing Khola per il villaggio fortificato di Tetang, anche conosciuto come Te. In questo villaggio, come nei villaggi di Chhusang, Chele, Ghyakar e Tangbe, vive un gruppo etnico culturalmente omogeneo che si è dato il nome di gurung. Fantastico il panorama che si gode dall’alto del villaggio con i terrazzamenti coltivati a orzo e a grano saraceno che si stagliano sulla valle del Kali Gandaki in lontananza. Si prosegue verso sud per Kagbeni e quindi si
Giorno 14

Kalopani - Pokhara

Intera giornata dedicata al trasferimento via terra da Kalopani a Pokhara.Si effettua la stessa strada del viaggio di andata.  Arrivo a Pokhara e trasferimento in resort.Pasti: colazione in guesthouse, pranzo lungo il percorso e cena al resort. 

Giorno 15

Visite di Pokhara e trasferimento a Bandipur

La mattinata è dedicata alla visita dei principali siti di interesse di Pokhara. Questo centro cittadino si è molto sviluppato dagli anni ’90 in poi grazie alla sua posizione chiave di fronte alla catena himalayana. Da Pokhara partono tutti i trekking verso la catena montuosa che in questa corrispondenza si eleva con grandi cime come le quattro vette del massiccio dell’Annapurna, il Manaslu ed il Macchapuchre. Le acque del lago Pewa si spandono nel fondo della valle di Pokhara, su una collina al bordo del bacino si erge la Pagoda della Pace. Pokhara oggi è con Kathmandu un nome mitico.
Giorno 16

Bandipur - Patan - Kathmandu

Mattinata dedicata alla visita di Bandipur. Il centro di Bandipur, a differenza dei siti architettonici della valle di Kathmandu è poco conosciuto e poco frequentato dal turismo internazionale. La sua costituzione di nucleo tradizionale composto da piccoli templi, santuari ed abitazioni avviene verso la fine del 1700, da parte di cittadini di Baktapur fuggiti dalla loro “città-principato” in seguito alla conquista della valle di Kathmandu da parte del fondatore della dinastia Gurka, Prithvi Narayan Shah. Precedentemente il luogo di Bandipur era già molto sviluppato perché era il punto
Giorno 17

Kathmandu

Giornata a disposizione per il completamento di eventuali visite che non si siano riusciti a fare a causa di imprevisti o del traffico. Tempo libero anche per eventuali acquisti nel quartiere di Thamel.Pasti: colazione in hotel, pranzo e cena liberi.  

Giorno 18

Kathmandu - Italia

Al mattino trasferimento all’aeroporto per il volo di rientro in Italia con scalo intermedio. Arrivo previsto a Milano Malpensa o a Roma Fiumicino in serata. Pasti: colazione in Hotel, pranzo a bordo. N.B. Abbiamo deciso di proporre questa partenza speciale in Agosto perché, pur non essendo il periodo climaticamente migliore per recarsi in Nepal, il Mustang si trova in una zona desertica d’alta quota dove le piogge monsoniche di solito arrivano sporadicamente. D’altro canto, vogliamo dare l’opportunità di visitare questo ultimo angolo di Tibet anche alle persone che possono