WAKRA PUKARA E MACHU PICCHU

Montagne arcobaleno, Palcoyo, Perù

PERU' | WAKRA PUKARA E MACHU PICCHU

A partire da 5900 €

DURATA
PARTECIPANTI
16 Giorni (13 Notti) Minimo: 8 / Massimo: 12
DATA PARTENZA
LA PARTENZA E'
09 Maggio 2024
19 Settembre 2024
PREZZI A PARTIRE DA:
Quota base individuale
5900 €
Il Perù è uno scrigno di bellezza naturalistica, storica e archeologica. Incastonato tra Foresta, Ande e Oceano offre al turista spunti irrinunciabili nei suoi itinerari come Machu Picchu, Cusco, la Valle Sacra degli Inca, il Lago Titicaca e i meno conosciuti angoli del nord pre-incaico come le Civiltà Moche e Chachapoyas. Ma non è ancora tutto e con questo circuito noi vogliamo farvi conoscere l’incredibile e sconosciuta Cordillera de Palcoyo che nasconde siti archeologici imponenti difficili da

Perché Noi

  • Il complesso archeologito di Wakra Pukara inedito per il mercato turistico italiano
  • Le montagne colorate di Palcoyo
  • Incontro con le comunità locali della cordigliera dove saremo ospiti nelle loro case
  • L'ultimo ponte Inca a Q'eswachaca

I nostri Esperti

Day by Day

Giorno 1

Partenza dall'Italia

Partenza dall’Italia con volo di linea con scalo europeo per Lima.

Giorno 2

Lima - Arequipa e visita nel pomeriggio della città bianca

Arrivo all’alba a Lima, incontro con il nostro assistente parlante italiano che ci accompagnerà nell’area dei voli domestici per l’imbarco sul primo volo per Arequipa (2.335 mt di altitudine).Arrivati, incontro con il nostro assistente e trasferimento privato in Hotel. Sistemazione da subito nelle camere e mattina di relax. Nel pomeriggio breve briefing con la nostra guida sulle visite e la storia della città conosciuta anche come la "Città Bianca", poiché molti edifici sono stati realizzati con “sillar”, una specie di pietra pomice vulcanica di color chiaro, duttile ma molto
Giorno 3

Arequipa - Canyon del Colca

Dopo la colazione partenza per il Canyon del Colca. Oltrepassato il vulcano Misti al cospetto dei suoi “cugini” Chacani e Ampato, meno famosi ma ben oltre i 6000 metri, sosta nella Pampa di Canahuas dove è possibile vedere con una certa facilità, alpaca, lama e vigogne. Si raggiungere il Mirador de los Andes a Patapampa, un punto di vista mozzafiato a 4.800 metri sul livello del mare con una vista impressionante dei vulcani che circondano. Il nostro itinerario prosegue e una lunga e tortuosa discesa ci conduce sino alla zona del Canyon del Colca. Una spaccatura di oltre 100 chilometri e
Giorno 4

Canyon del Colca verso il Lago Titticaca

Sveglia di buon’ora e partenza (verso le 6.00) verso un punto panoramico del canyon noto come Cruz del Condor, dove, presto al mattino, è più facile osservare il volo del condor che lascia il nido e s’innalza sfruttando le correnti ascensionali. La zona è caratterizzata da coltivazioni nei terrazzamenti che hanno origini antichissime e che risalgono persino al periodo incaico. Il fiume Colca è l’artefice di questa opera d’arte naturale. Lentamente le sue acque hanno scavato il letto levigando gli strati rocciosi di origine vulcanica vecchi 100 milioni di anni. Il belvedere de La
Giorno 5

Il Lago Titicaca

Dopo la colazione, trasferimento al porto e imbarco sul battello per l'escursione sul lago Titicaca, lo specchio d'acqua navigabile più alto del mondo. Dal porto lacustre di Puno alle isole fluttuanti degli Uros. Gli Uros appartengono ad una cultura antica ed ospitano isole artificiali costruite per la crescita del giunco. Il giunco viene tessuto nelle zone dove cresce più rigoglioso e dal mantello naturale. Su di esso vennero costruite case e si cucina all'aria aperta per evitare possibili incendi. Dopo un'ora e mezza di viaggio, fermata all'Isola di Taquile, abitata da oltre diecimila
Giorno 6

Puno, la necropoli di Sillustani e Raqchi

Dopo la colazione partenza con mezzo privato in direzione Cusco. Dopo qualche chilometro si arriva in una zona con alture che declinano sino al piccolo Lago di Umayo, ornate dalle Torri di Sillustani. Le strutture che punteggiano il panorama sono state costruite come luoghi di sepoltura dai Colla che abitavano la regione nel periodo incaico. Usavano seppellire i defunti delle caste nobiliari all’interno di queste torri chiamate “chullpas”. Alcune tombe monumentali sono ben conservate e il posto merita una sosta. Proseguimento verso la La Raya, il punto più alto del cammino tra Puno e
Giorno 7

Raqchi e trekking verso il complesso Inca di Wakra Pukara

Dopo la colazione ringraziamo le famiglie che ci hanno ospitato e partiamo con le nostre vetture fino alla comunità campesina di Campi-Huayqui sulle alture della valle Apurimac. Da qui inizia il nostro avvicinamento a piedi verso l’obiettivo di Wakra Pukara, un sito ancora poco conosciuto, sfuggito agli occhi dei conquistadores questa fortezza in quechua significa "fortezza a forma di corna". Da Campi occorrono circa 3 ore e mezza circa di cammino per raggiungere il sito, ma il percorso è incantevole, anche se abbastanza impegnativo con un dislivello di 1000 mt, e si segue un sentiero che
Giorno 8

Wakra Pukara e il ponte Inca di Q'eswachaca

Dopo la colazione ripercorriamo il trekking fino a raggiungere nuovamente la comunità di Campi dove ritroviamo il nostro veicolo. Breve sosta e partenza verso la regione conosciuta come le 4 lagune. Arrivo a l’Inca di Q'eswachaca considerato l'ultimo ponte Inca, e riconosciuto dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità per ingegno e conoscenza tramandata da generazioni in generazione fin dall’epoca Inca. Oggi la tradizione della tessitura è custodita dalle comunità che grazie alla loro conoscenza può restaurare costantemente questa preziosa opera. Resto della giornata a disposizione
Giorno 9

Da Q'eswachaca alle montagne colorate di Palcoyo, infine Cusco

Dopo colazione, ringraziamo la gente locale che ci ha ospitato e partenza presto al mattino per l’escursione alle Rainbow Mountains (montagne arcobaleno) di Palcoyo. Dal 2015 le Rainbow Mountains del Perù sono state rese accessibili ai turisti e sono diventate meta di escursione di un numero sempre maggiore di visitatori. In particolare, Vinicunca è la località più nota a livello mondiale e ogni giorno si contano centinaia di visitatori. Non tutti sanno però che a soli 20 chilometri di distanza si trovano non una, ma ben tre montagne colorate. Composta da colori ocra e rossi, con
Giorno 10

Cusco l'ombelico della civiltà Inca

Dopo la colazione inizio delle visite alla città di Cusco. Partenza da Coricancha, meglio conosciuto come "Il tempio del Sole" (o "Recinto del Dorato"), la cui costruzione fu ordinata dall'Inca Pachacutec (1438-1471) e, con l'arrivo degli spagnoli divenne la base per la costruzione del Convento di Santo Domingo. Qui, durante il periodo inca, si rendeva grazie al sole ("inti"), il tempio era completamente tappezzato di lamine d'oro ed i suoi patii con fiamme d’oro ad altezza naturale. Ci spostiamo nella piazza centrale della città per la visita della Cattedrale, la costruzione più
Giorno 11

Valle Sacra degli Inca e arrivo a Machu Picchu Pueblo

Dopo la colazione partenza verso il Parque di Ollantaytambo, con alcune soste intermedie di grande interesse. Il villaggio di Ollantaytambo è un tipico esempio di pianificazione urbana degli Inca ancora abitato secondo le usanze del passato. Pachacutec (1430-1471) lo distrusse e lo ricostruì nuovamente, inglobandolo nel suo impero, e, da allora, è uno dei siti archeologici più importanti dell'impero Inca. Al termine delle visite, partenza in treno turistico per Aguas Calientes (Machu Picchu Pueblo) dove arriveremo dopo 1h30 circa. Sistemazione in hotel e pernottamento. Pasti inclusi:
Giorno 12

Machu Picchu ruinas e rientro a Cusco

Dopo un breve tragitto in autobus si arriva a Machu Picchu ruinas, un capolavoro di ingegneria e architettura, santuario e residenza di riposo per l'Inca Pachacútec (1438-1471). Machu Picchu, che significa "Montagna Vecchia" è considerata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO ed una delle nuove sette meraviglie del mondo moderno. Possibilità di visitare facoltativamente l'Intipunku (Porta del Sole), il Wayna Picchu (soggetto a disponibilità di spazio e prenotazione) ed il Ponte Inca soggetto a disponibilità di spazio e prenotazione). Mentre la visita guidata esplorerà la cittadella. Al
Giorno 13

Chinchero, Maras e Moray

Dopo la colazione partenza per l’escursione nella Valle Sagrada. Prima tappa Chinchero, una delle città più importanti dell'Impero Inca situato su una terrazza a circa 3500 mslm, dove splendidi paesaggi andini circondano il luogo, incorniciato dalla calma bellezza delle montagne innevate. Si visiteranno poi i siti archeologici di Maras e Moray. Maras presenta una vista surreale; situato vicino a Moray, è un impressionante complesso per lo sfruttamento delle miniere di sale. I suoi grandi depositi di sale servivano per il commercio di altri prodotti con altre regioni dell'Impero. Le
Giorno 14

Cusco - Lima e visita della capitale

Dopo la colazione trasferimento in aeroporto e partenza per Lima. Arrivo a Lima, incontro con la nostra guida e inizio dell’esplorazione della capitale partendo dal centro storico patrimonio mondiale dell'UNESCO, ricco di affascinanti edifici storici. Il percorso inizia nel tradizionale quartiere Pueblo Libre, dove si visita il Museo Larco, situato in un palazzo vicereale splendidamente restaurato questo fu costruito su una piramide precolombiana del VII secolo. Il museo vanta una collezione preispanica completa di oggetti d'oro e d'argento, oltre a pezzi di arte erotica e ceramiche. Quindi
Giorno 15

Volo di rientro in Italia

Dopo la colazione trasferimento privato in aeroporto e imbarco sul volo di rientro in Italia. Pasti e pernottamento a bordo.Pasti inclusi: colazione  

Giorno 16

Arrivo in Italia

Arrivo in Italia.