BOLIVIA MAGICA

BOLIVIA | BOLIVIA MAGICA

A partire da 5100 €

DURATA
PARTECIPANTI
15 Giorni (12 Notti) Minimo: 9 / Massimo: 12
DATA PARTENZA
LA PARTENZA E'
09 Agosto 2024 Completa
13 Settembre 2024
PREZZI A PARTIRE DA:
Quota base individuale
5100 €
Un viaggio di iniziazione alla Bolivia. Alla scoperta della regione andina, l'antico Collasuyu degli Incas e l'Alto Perù degli spagnoli, da sempre centro culturale, economico e politico del Paese. Un itinerario che porta nelle città coloniali di Sucre e Potosí e nel sito archeologico di Tiwanaku. Sulle rive del Lago Titicaca, incorniciato dalle vette della Cordigliera Real, e tra le distese giallo-oro dell'altopiano andino. Per arrivare, poi, ai salares, con il celebre Salar de Uyuni, una distesa di 12.000 kmq di sale e alle lagune colorate dove

Perché Noi

  • Un Tour Leader esperto dall'Italia per tutta la durata del viaggio 
  • Sull’altopiano boliviano si viaggia in 4x4 con 3 passeggeri a bordo oltre all'autista. Posto finestrino garantito
  • Si parte da Sucre per salire gradualmente in altitudine e visitare il mercato domenicale di Tarabuco
  • Un viaggio dedicato interamente alla Bolivia .... finalmente !

I nostri Esperti

Day by Day

Giorno 1

Partenza dall'Italia con volo Air Europa per Santa Cruz de la Sierra via Madrid

Partenza in serata con volo Air Europa per Madrid. Arrivo a Madrid, cambio di aeromobile e proseguimento con il volo notturno per Santa Cruz de la Sierra. Pernottamento a bordo.  NB: scegliamo di volare con Air Europa in Bolivia perché è il vettore che offre il collegamento più comodo dall’Italia verso la nostra destinazione, Santa Cruz de la Sierra. E’ importante iniziare da qui il viaggio, e non da La Paz, per acclimatarci gradualmente alle altitudini, unica prevenzione contro il mal di montagna. Air Europa non prevede nessuna consumazione gratuita nelle tratte europee. 

Giorno 2

Arrivo presto al mattino a Santa Cruz de la Sierra e volo in coincidenza per Sucre

Arrivo a Santa Cruz de la Sierra alle 05.35, ritiro dei bagagli e check-in sul volo interno in partenza per Sucre alle 09.20 (orario soggetto a riconferma).Arrivo a Sucre e trasferimento privato in hotel. Pranzo. Nel pomeriggio tempo libero a disposizione per un po' di riposo o per una prima passeggiata nel centro storico della città assieme all’accompagnatore.Cena e pernottamento. 

Giorno 3

Sucre, l'antica capitale dell'Alto Perù e il Mercato di Tarabuco

Prima colazione e partenza per Tarabuco dove ogni domenica si svolge un colorato e festoso mercato. In poco più di un’ora raggiungiamo con il nostro minibus il villaggio di Tarabuco, a 65 chilometri di comoda strada asfaltata da Sucre, per avere un assaggio della cultura indigena ancora così presente e forte in Bolivia. I campesinos, avvolti nei tipici ponchos a strisce orizzontali e con calcata sul capo la montera in cuoio, arrivano dai villaggi circostanti su autobus, camion o in groppa agli asini per scambiarsi i vari prodotti della terra e vendere il loro artigianato, fra cui le
Giorno 4

Sucre e partenza per Potosì, la città più alta del mondo

Prima colazione e mattina dedicata ancora a Sucre ad integrazione delle viste elencate nella tappa precedente. Nel primo pomeriggio partenza per Potosì, dove arriviamo dopo circa 3h30 di buona strada asfaltata, che con i suoi 4.067 metri è la città più alta del mondo. Una città affascinante e triste, sopravvissuta a se stessa con l’esaurirsi della vena d’argento che la rese famosa, che conserva le strade in pietra, gli edifici dal fascino decadente, le chiese con i portali barocchi e gli altari dorati. Giustamente l’UNESCO l’ha dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Cena e
Giorno 5

La bellissima città di Potosì, ricca di testimonianze coloniali, definita "il tesoro del mondo e l'invidia dei re"

Prima colazione in hotel. Potosì è stata definita “tesoro d’Europa e tomba di schiavi”: il suo nome evoca da un lato la ricchezza dell'impero spagnolo, dall'altro la tragedia di otto milioni di indios e di schiavi africani morti per estrarre l’argento che alimentò lo sviluppo d’Europa. Potosì è comparsa dal nulla ai piedi di Cerro Rico, agli albori dell’epoca coloniale, in seguito alla scoperta accidentale di ricchi filoni d’argento celati nelle profondità della montagna. L’arido picco, che domina isolato una zona inospitale dell’altopiano 450 km a sud-est di Nuestra
Giorno 6

Verso l'altopiano boliviano; arrivo a Uyuni

Prima colazione e visita alla Casa de la Moneda, l’antica zecca ora convertita in museo, per un percorso nella storia e nella passata ricchezza. Al termine partenza con il nostro pulmino verso sud lungo la strada asfaltata che porta a Uyuni. Ha qui inizio un lungo percorso che ci porterà attraverso alcuni dei paesaggi più affascinanti del Paese, circondati dalla natura estrema delle terre alte, in un paesaggio minerale e assoluto. Pranzo box lunch lungo il percorso. Arrivo a Uyuni, una città fredda e ventosa, base principale per la visita dell’altopiano sud e sistemazione in hotel.
Giorno 7

Nelle terre alte boliviane attraverso paesaggi minerali di assoluta bellezza

Partenza di buon mattino subito dopo colazione con i nostri fuoristrada; ci attende una giornata intensa attraverso straordinari paesaggi minerali.Da Uyuni andiamo in direzione sud verso la cittadina di San Cristobal, dove facciamo una sosta e diamo uno sguardo alla piccola chiesa (non sempre la si trova aperta). Dopo circa un’ora, con una piccola deviazione dalla strada principale, raggiungiamo la Valle de las Rocas, caratterizzata da rocce formatesi da eruzioni vulcaniche, poi erose dal vento fino ad assumere forme molto particolari e bizzarre. Proseguiamo verso la Laguna Turquiri, la
Giorno 8

Nell'estremo sud della Bolivia dove la Reserva Nacional de Fauna Andina Eduardo Avaroa custodisce lagune salmastre dai colori diversi e cangianti e distese desertiche punteggiate da rocce lavorate dal vento e dal gelo

Un’impegnativa e splendida tappa, sopra i 4000 metri di altitudine, nell’estremo sud della Bolivia dove la Reserva Nacional de Fauna Andina Eduardo Avaroa custodisce lagune salmastre dai colori diversi e cangianti, distese desertiche punteggiate da rocce lavorate dal vento e dal gelo, stenti bofedales che permettono la sopravvivenza a branchi di lama e di timide vigogne. Colazione e partenza all’alba; ci attende una giornata lunga, ma ricca di emozioni. La nostra prima sosta è al famoso Arbol de Piedra, che si trova nel deserto di Siloli, poco distante dal nostro hotel. Proseguiamo
Giorno 9

La bianca e magica distesa del Salar de Uyuni, dove i confini non esistono

Terminiamo il nostro percorso nelle terre alte boliviane con la tappa probabilmente più attesa. Oggi infatti ci attende l’attraversamento della magica distesa lunare del Salar de Uyuni, o meglio del Salar de Tunupa, dal nome del vulcano e dell’antica divinità aymará; un luogo che regala una sensazione unica, l’orizzonte non ha limiti e l’immensità invita al silenzio. Raggiungiamo l’Isla Incahuasi, spesso erroneamente chiamata Isla del Pescado. Qui un breve sentiero segnalato ci porta fra rocce coralline e cactus giganti fino alla cima da dove si gode una vista spettacolare a
Giorno 10

Volo per La Paz e visita della capitale

Trasferimento in aeroporto per il volo (08.20/09.05, orario soggetto a riconferma) che ci porterà a La Paz. Posta in fondo a una grande spaccatura, un canyon che sprofonda per circa 1000 m sotto il livello dell'altopiano, La Paz è dominata dalle lucenti nevi dell'lllimani che raggiunge i 6462 m e del Monte Illampu. La giornata è dedicata alla visita della città, assolutamente unica nella sua incredibile topografia multilivello. Dai quartieri più alti della città, si ammira tutta una cascata di tetti rossi, di strette strade in grande pendenza, congiunte da numerosi ponti, fino alla
Giorno 11

Il sito archeologico di Tiwanaku e continuazione verso il sacro Lago Titicaca

Prima colazione in hotel e partenza verso Tiwanaku che raggiungiamo in poco più di un’ora. E’ il maggior sito archeologico della Bolivia, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Ancora oggi la popolazione aymará, seguendo rituali millenari, vi celebra il solstizio d’inverno e l’inizio del nuovo anno all’alba del 21 giugno quando i primi raggi del Sole attraversano l’angolo superiore sinistro della porta del tempio Kalasasaya. Molto deve essere ancora scavato, ma dopo un’esauriente visita del museo è più facile immaginare l’antico splendore di questa città
Giorno 12

L'Isola del Sole, dove ebbe origine il mito Inca. Le rovine e i terrazzamenti dell'epoca incaica

Partenza dal porto in barca verso l’Isla del Sol. Il Lago Titicaca è un mondo a parte di serena bellezza, senza veicoli a motore, con solo lama e asini come animali da soma. Sull’isola, uno dei luoghi più sacri per le civiltà andine, da quella di Tiwanaku agli Incas, ci sono molte rovine di epoca preincaica e incaica. Visitiamo la parte meridionale: Pilco Kaina con l’imponente Palacio del Inca e la vicina Fuente del Inca con l’antica ripidissima Escalera del Inca. (Da circa un anno la parte nord dell’isola è chiusa al turismo e pertanto non si possono effettuare le visite alle
Giorno 13

Un ultimo sguardo a La Paz e nel pomeriggio volo per Santa Cruz

Dedichiamo la mattinata al famoso Witch Doctor’s Market e lasciamo del tempo libero per aggirarci tra il mercato e i negozi di artigianato. A seguire, visita della Valle de la Luna, dove l’erosione eolica, le piogge e il gelo hanno dato forma a un paesaggio davvero lunare.  Pranzo libero. Nel pomeriggio volo per Santa Cruz. Trasferimento in hotel per la cena ed il pernottamento. 

Giorno 14

Partenza con il volo per Madrid

Prima colazione e trasferimento in aeroporto per il volo Air Europa in per Madrid. Pernottamento a bordo. 

Giorno 15

Arrivo a Madrid e proseguimento per l'Italia

Arrivo a Madrid presto al mattino, cambio di aeromobile e proseguimento per l’Italia.    Arbol de Piedra 2. Tiwanaku   3. Laguna Colorada