Lazio

Tour guidati
I gioielli della Tuscia (Inverno-Primavera 2021-2022)
Paesaggi, siti archeologici, borghi, giardini, castelli e chiese del viterbese
8 giorni
Viterbo, il capoluogo della Tuscia, definita da secoli la “Città dei Papi” - Civita di Bagnoregio, il cosiddetto “paese che muore”, situato al centro della meravigliosa Valle dei Calanchi - l’azienda agricola nei pressi di Castiglione in Teverina, nel cuore di una zona che vanta antiche tradizioni oleare e vitivinicole - il misterioso “Parco dei Mostri” a Bomarzo - il pittoresco borgo medievale di Vitorchiano - Villa Lante a Bagnaia, uno dei migliori esempi di residenza tardo rinascimentale in Italia - l’anfiteatro romano, il mitreo e la necropoli etrusca dell’antica Sutri - il maestoso Palazzo Farnese di Caprarola - il Museo Archeologico Nazionale e le tombe dipinte della necropoli etrusca di Tarquinia - le chiese romaniche di Tuscania, circondate da una dolce e intatta campagna, in uno dei più bei paesaggi di tutta la Tuscia - l’Agro Falisco, con le “forre”, elemento geomorfologico caratteristico del territorio vulcanico, l’antico insediamento di Nepi e la Basilica di Sant’Elia - gli eleganti e sofisticati giardini del Castello Ruspoli a Vignanello - la splendida Chiesa di San Flaviano a Montefiascone e il panorama mozzafiato sul Lago di Bolsena

Tuscia era la denominazione attribuita all’Etruria dopo la fine del dominio etrusco, invalsa a partire dalla Tarda Antichità all’Alto Medioevo. Oggigiorno Tuscia sta ad indicare il viterbese e in genere l’Alto Lazio. Questo originale itinerario si sviluppa in un territorio poco conosciuto dal punto di vista turistico ma caratterizzato da speroni di roccia tufacea, profondi valloni ombrosi, laghi cristallini, borghi medievali che sfidano la natura, ameni siti archeologici, una variegata cucina di frontiera e ottimi vini che invitano alla convivialità… L’origine dello straordinario paesaggio va ricercata negli ingenti accumuli di materiale vulcanico, prevalentemente lapilli e ceneri, depositati sul terreno da potenti eruzioni vulcaniche, consolidati fino ad assumere la consistenza rocciosa dei tufi e del peperino e in seguito erosi dagli agenti atmosferici e dai corsi d’acqua, creando quei suggestivi profondi solchi, le “forre”, che identificano gran parte del territorio viterbese. L’adattamento dell’uomo a questa morfologia, è la matrice degli sviluppi architettonici e soprattutto urbanistici di ogni insediamento nell’area e dei meravigliosi “Gioielli della Tuscia”. Dal borgo lacustre di Bolsena, ai piedi dei Monti Volsini, a Civita di Bagnoregio, il “paese che muore”, al centro della Valle dei Calanchi; dallo stupefacente “Parco dei Mostri” di Bomarzo al sofisticato giardino del Castello Ruspoli di Vignanello; da Villa Lante di Bagnaia, uno dei migliori esempi di residenza tardo rinascimentale in Italia, al maestoso Palazzo Farnese di Caprarola; dai resti dell’Anfiteatro Romano di Sutri alle tombe dipinte della Necropoli Etrusca di Monterozzi (Patrimonio UNESCO); da Viterbo, il capoluogo della Tuscia, definita da secoli la “Città dei Papi”, agli edifici sacri di Tuscania, risalenti al periodo romanico… un vero e proprio scrigno di tesori preziosi! Con nostro Tour Leader a partire da un minimo di 6 partecipanti.

 

Prenotate il vostro viaggio con un anticipo di almeno 90 giorni dalla partenza e otterrete uno sconto del 50%
sul costo della copertura assicurativa “all inclusive”.

Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
 
 
 
 

seleziona una data per maggiori informazioni

Viaggio chiuso
Partenza confermata/in via di conferma
Ultimi posti
Promo

Il “Parco dei Mostri”
Chiamato da Vicino Orsini “Sacro Bosco” e dedicato alla moglie Giulia Farnese, questo esempio di “Manierismo italiano”, ideato dall’architetto Pirro Ligorio (colui che completò la Basilica di San Pietro dopo la morte di Michelangelo), venne ribattezzato “Parco dei Mostri” dalla fantasia popolare. All’ingresso del parco, sormontato dallo stemma degli Orsini, si viene accolti dai versi incisi su due Sfingi che presentano ed elogiano ciò che il visitatore si accinge a vedere. Le molte sculture in peperino sono armoniosamente integrate nel lussureggiante paesaggio con grandi prati e viali alberati. Il parco è articolato su terrazze degradanti alla sommità delle quali sorge il Tempietto a forma ottagonale sormontato da una cupola. Gli incredibili scenari con la Lotta tra i Giganti, Proteo e Glauco, la Ninfa dormiente e il gruppo scultoreo composto da una Balena sormontata da una Tartaruga che a sua volta sorregge una Donna alata, simbolo del passaggio di purificazione, richiamarono l’attenzione di molti intellettuali del tempo per i loro aspetti simbolici e alchemici. Natura, arte e fantasia si fondono in modo bizzarro e insolito rendendo il parco particolarmente suggestivo e stupefacente.

Prezzi

QUOTAZIONI PER PERSONA da Roma a Roma
base 10-14 partecipanti
€ 1.780
base 8-9 partecipanti
€ 2.250
base 6-7 partecipanti
€ 2.330
Supplementi e spese accessorie
I treni/voli
su richiesta
Suppl. Sgl.
€ 180

Spese accessorie da aggiungere:
– spese pratica € 90
– assicurazione di viaggio e annullamento (vedi programma dettagliato)

NOTA IMPORTANTE
Per via delle incertezze derivanti dal Covid-19, i prezzi attualmente pubblicati sono gli stessi dell’inverno 2020-21. Faremo il possibile per mantenerli invariati seppur non siamo in grado di assicurarlo. Gli eventuali aggiornamenti di quota verranno comunicati in fase di prenotazione e comunque prima di confermare la partecipazione al viaggio.

Richiesta Info

Scriveteci per ricevere un preventivo dettagliato o maggiori informazioni. L'operatore booking dell'area di riferimento vi darà riscontro quanto prima. In alternativa contattateci telefonicamente allo 02 34934528.



Altri viaggi che potrebbero interessarti