Kirghizistan

Tour guidati
Lo Shangri-La dell’Asia Centrale
Tra nomadi e montagne attraverso lo Shangri-La dell’Asia centrale
16 giorni
L’immenso lago alpino Issyk-Kul e i petroglifi di Cholpon-Ata - il volo in elicottero per il ghiacciaio Inylchek, sul Tian Shan, ai piedi dello spettacolare Khan Tengri - Karakol e la tomba di Prezwalski - i pascoli d’alta quota e le tradizioni dei nomadi kirghizi - i remoti e fantastici laghi Son-Kul e Kel-Suu - il Caravanserraglio di Tash Rabat - il Campo Base del Pic Lenin

Il Kirghizistan può essere considerato lo Shangri-La dell’Asia centrale, una minuscola nazione priva di sbocchi sul mare, il cui territorio, prevalentemente montuoso, è circondato da frastagliate catene punteggiate di cime vertiginose. Un paradiso a due passi dal cielo, per il popolo nomade dei kirghizi, proveniente dalla Siberia, alla ricerca di grassi pascoli e difese naturali. Nel 1991 il crollo dell’Unione Sovietica ha lasciato questa sconosciuta repubblica in una specie di limbo. I kirghizi hanno mantenuto uno stile di vita seminomade e con l’avvicinarsi dell’estate le famiglie di allevatori si trasferiscono dai villaggi agli “jailoo”, i pascoli estivi d’alta quota. Uno straordinario itinerario che spazia dal ghiacciaio Inilchek, sulla catena del Tian Shan, al campo base del Pic Lenin, sulla catena dell’Alay Pamir. Senza trascurare i siti di interesse storico come Balasagun, Karakol, Tash Rabat, Ozgon, Osh …, i magnifici laghi Issyk-Kol, Song-Kol e Kel-Suu e la vivace e moderna capitale Bishkek. Da non perdere il volo in elicottero per raggiungere il ghiacciaio Inylchek ai piedi dello spettacolare Khan Tengri (“Principe degli Spiriti” o “Signore del Cielo”, 7.010 m).

Prenotate il vostro viaggio con un anticipo di almeno 90 giorni dalla partenza e otterrete uno sconto del 50%
sul costo della copertura assicurativa “all inclusive”.

Date e quote della prossima stagione in fase di elaborazione

Il Tian Shan
La parte più alta e imponente del Tian Shan (letteralmente “le Montagne Celestiali”) si trova all’estremità orientale del Kirghizistan, lungo i confini con la Cina e con l’appendice sud-orientale del Kazakistan. Un formidabile intreccio di catene, nate come l’Himalaya dalla collisione tra la placca indiana e quella eurasiatica, con decine di vette che si elevano oltre i 5.000 m e culminano nel Pik Pobedy (“Picco della Vittoria”, 7.439 m) e nel Khan Tengri (“Signore dei Cieli”, 7.010 m) la vetta più spettacolare del Tian Shan. La latitudine più settentrionale del Tian Shan, rispetto a quella delle altre catene dell’Asia Centrale, fa si che i suoi ghiacciai siano più possenti e spettacolari. In particolare il ghiacciaio Inylchek, uno dei più lunghi al mondo (circa 62 km), che si estende verso ovest su entrambi i lati del Khan Tengri. Ogni estate, sotto al punto in cui il fronte nord del ghiacciaio incontra quello sud, si forma un lago punteggiato di piccoli iceberg, il Lago Merzbacher (3.300 m), che verso la fine di Luglio rompe improvvisamente i suoi argini ghiacciati riversandosi nel sottostante fiume Inylchek.

Prezzi

QUOTAZIONE PER PERSONA da Milano, partenze di gruppo
base 10-12 partecipanti con accompagnatore dall’Italia
€ 3.030
base 8-9 partecipanti con accompagnatore dall’Italia
€ 3.180
Partenze individuali
base 4 partecipanti, con guide di lingua inglese
€ 2.980
base 2 partecipanti, con guide di lingua inglese
€ 3.500
Supplementi e spese accessorie
Suppl. Sgl. (9 notti)
€ 240
(a)Suppl. alta stagione aerea
€ 120
(*)Suppl. Festival dei Rapaci (durata 16 gg)
€150
Volo opzionale in elicottero
USD 600

Spese accessorie da aggiungere:
– tasse aeree, spese pratica, circa € 360
– assicurazione di viaggio e annullamento (vedi programma dettagliato)

Richiesta Info

Scriveteci per ricevere un preventivo dettagliato o maggiori informazioni. L'operatore booking dell'area di riferimento vi darà riscontro quanto prima. In alternativa contattateci telefonicamente allo 02 34934528.